IL NORDIC WALKING

Il Nordic Walking è semplicemente una tecnica di camminata che inserisce all’interno del movimento naturale l’uso dei bastoncini, prendendo spunto dalla tecnica dello sci di fondo classico : il bastone viene appoggiato al terreno in corrispondenza della proiezione del baricentro del corpo e ciò permette una notevole riduzione del carico delle articolazioni delle ginocchia, delle caviglie e delle anche. Applicando la tecnica corretta, si riesce a coinvolgere gran parte della muscolatura corporea rendendo la camminata nordica una forma di allenamento aerobico di grande efficacia. Può essere praticato ovunque, nei parchi, in montagna, sulla rive della spiaggia, e cosi via.. è un ottimo modo di fare sport a contatto con la natura. L’uso dei bastoncini durante la camminata implica tutta una serie di benefici sia fisici che mentali che stanno decretando il successo di questo sport. Stimola l’utilizzo del 85% della nostra muscolatura e di conseguenza aiuta a consumare circa il 40% in più di una normale camminata. Tutto questo senza caricare sulle articolazioni come anca e ginocchio, tanto che spesso è consigliato per chi ha problemi alle articolazioni, per chi deve recuperare da un trauma o per le persone in sovrappeso. Vi è un miglioramento della circolazione e delle prestazioni di cuore e polmoni e una riduzione di tensioni e contratture dalla zona cervicale e dalle spalle. Inoltre c’è una riduzione di stress e tensioni emotive grazie al movimento fisico e alla possibilità di praticarlo all’aria aperta.

Oltre ai benefici fisici qui sopra riportati il Nordic Walking è un efficace anti stress: regolarizza il respiro, scarica le tensioni negative accumulate, allontana le preoccupazioni di tutti giorni regalando armonia tra corpo e mente. Negli ultimi anni è emerso un notevole interesse della comunità scientifica sulle potenzialità di tale disciplina, su soggetti sani, ma anche in condizioni patologiche specifiche. I primi effetti descritti sono stati quelli legati alla biomeccanica. È stato infatti osservato, che il nordic walking ha un effetto positivo sulla postura, mediante un alleggerimento del carico sull’apparato motorio, durante il movimento, preservando così la funzionalità articolare, e mediante una riduzione della tensione muscolare (soprattutto a carico della muscolatura paravertebrale).     

Recentemente l’interesse scientifico si è rivolto ai potenziali effetti positivi del nordic walking, come strumento in grado di migliorare la riabilitazione in ambiti diversi, quali: quello respiratorio e neurologico, quindi anche in coloro che sono affetti da morbo di Parkinson. Infatti, nella pratica del nordic walking, l’utilizzo dei bastoncini oltre a dare una grande sicurezza al paziente, permette da subito di ampliare di molto l’escursione delle braccia e di conseguenza anche allungare il passo, mantenendo un saldo equilibrio, inoltre anche la postura viene migliorata di molto mediante l’appoggio del bastoncino.

Menu